RECLAMO N°. 143 DELLA SOCIETÀ SSD VIAREGGIO 2014 ARL AVVERSO LA DECISIONE DELLA COMMISSIONE ACCORDI ECONOMICI – LND IN MERITO ALLA CONTROVERSIA SORTA CON IL CALCIATORE VISIBELLI ROCCO, PUBBLICATA NEL C.U. 251 CAE-LND del 7.3.2017.

0 Comments

Con atto datato 13 marzo 2017, la SSD Viareggio 2014 a rl ha adito questo Tribunale Federale impugnando la decisione della Commissione Accordi Economici della LND del 7 marzo 2017 con la quale detta Società reclamante è stata condannata al pagamento in favore del calciatore Visibelli Rocco della somma di € 4.300,00, a titolo di saldo della somma allo stesso dovuta, in forza dell’accordo economico sottoscritto “inter partes” in relazione alla stagione sportiva 2015/2016.

A sostegno dell’impugnazione promossa, la Società reclamante eccepiva che “…il Sig. Visibelli, nel corso degli ultimi mesi di durata dell’accordo con la Società reclamante, spesso accusava infortuni non ben certificati e dimostrava una condotta non aderente ai propri obblighi contrattuali, palesando disinteresse e mancanza d’impegno e della professionalità richiesta, contravvenendo in tal modo, oltre ad una regola generale di ordinaria diligenza nello svolgimento della propria professione, anche a quanto previsto dall’art. 92 NOIF laddove, appunto, si prevede che ‘i tesserati sono tenuti all’osservanza delle disposizioni emanate dalla FIGC e dalle rispettive Leghe nonché delle prescrizioni dettate dalla Società di appartenenza’ (comma 1) e che ‘i giovani di serie devono partecipare, salvo impedimenti per motivo di studio, di lavoro o di salute alle attività addestrative ed agonistiche predisposte dalla Società per il loro perfezionamento tecnico…’ (comma 2)”.

Pertanto, la SSD Viareggio 2014 a rl concludeva chiedendo l’accoglimento del reclamo e la riforma della decisione impugnata.

Il calciatore, ritualmente notiziato del reclamo, ha controdedotto con propria memoria difensiva evidenziando in primo luogo l’erroneità, la manifesta infondatezza e la pretestuosità, con

 

finalità chiaramente dilatorie, delle eccezioni e deduzioni formulate dalla controparte nel proprio scritto difensivo ed in secondo luogo “…come la stessa SSD Viareggio 2014 a rl rilasciasse al calciatore Sig. Visibelli Rocco un assegno datato 31.08.2016 a firma dell’amministratore delegato Sig.ra Buoncristiani Cecilia e timbrato dalla stessa Società dell’importo di € 3.795,00 al netto delle ritenute fiscali di legge a saldo delle somme spettanti, che però risultava scoperto e pertanto andava impagato…”, in assoluta contraddizione con le contestazioni mosse al calciatore.

La difesa del calciatore ha concluso, quindi, chiedendo il rigetto del gravame proposto e, per l’effetto, la conferma della sentenza emessa dalla Commissione Accordi Economici della Lega Nazionale Dilettanti, con vittoria di spese, competenze ed onorari di giudizio.

Alla riunione del 29 maggio 2017, i legali delle parti si sono sostanzialmente riportati ai propri atti difensivi ed il reclamo è stato discusso e deciso.

Il reclamo, ritualmente e tempestivamente inoltrato, deve essere rigettato, in quanto si appalesa del tutto infondato, generico e privo di qualsiasi supporto probatorio e documentale. Infatti, non avendo la detta Società dedotto alcunché, in relazione all’omesso pagamento del residuo di cui all’accordo economico, richiesto dal calciatore, né tantomeno prodotto alcuna documentazione comprovante l’eventuale avvenuto pagamento, la CAE della LND ha correttamente accolto il ricorso del calciatore alla stregua della documentazione in atti (l’accordo economico) che dà piena prova sia della conclusione dell’accordo, in base al quale viene richiesto il pagamento, sia dell’ammontare della somma pretesa in forza del compenso ivi indicato.

La CAE della LND ha, peraltro, rilevato, altrettanto correttamente, a sostegno della propria decisione, che l’eccezione e le argomentazioni formulate dalla SSD Viareggio 2014 a rl, a fondamento del proprio reclamo, di cui non è stato fornito comunque alcun elemento probatorio, attengono “…ad un profilo eventualmente disciplinare, non incidendo sull’obbligazione di corrispondere il residuo di cui all’accordo economico…”, e non possono avere pertanto alcuna rilevanza nel presente giudizio dinanzi a questa Commissione che ha competenza solo ed esclusivamente per vicende di carattere economico.

Va quindi confermata la decisione della CAE della LND in quanto correttamente adottata e pertanto immune da vizi.

Attesa la palese infondatezza del gravame, anche per le ragioni strumentalmente opposte dalla Società reclamante, la Società SSD Viareggio 2014 a r.l. va condannata alla rifusione delle spese giudiziali in favore del calciatore ai sensi dell’art. 33 comma 14 CGS FIGC, il tutto nella misura di cui al dispositivo.

P.Q.M.

Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Vertenze Economiche,

rigetta il reclamo presentato dalla Società SSD Viareggio 2014 a rl e, per l’effetto, conferma l’impugnata decisione della CAE – LND.

Condanna la Società ricorrente al pagamento delle spese di lite in favore del calciatore Visibelli Rocco in complessivi € 200,00 (Euro duecento/00), oltre oneri di legge se dovuti.

Ordina incamerarsi la tassa.

 

About admin

    You May Also Like

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *