RECLAMO N° 202 DELLA SOCIETÀ ASD SAN GIACOMO CHIERI CONTRO LA SOCIETÀ USD MARENTINESE AVVERSO LA DECISIONE DELLA COMMISSIONE PREMI (RIC. N. 799 – PREMIO DI PREPARZIONE PER IL CALCIATORE LANCINI ANDREA – RIC. N. 822 – PREMIO DI PREPARZIONE PER IL CALCIATORE PISANI GIUSEPPE), PUBBLICATA NEL C.U. 9/E DEL 5 MAGGIO 2016.

0 Comments

Con atto inviato a mezzo posta il 23.05.2016, la Società ASD San Giacomo Chieri ha impugnato innanzi questo Tribunale Federale n. 2 decisioni con le quali la Commissione Premi ha condannato essa reclamante al pagamento in favore della Società USD Marentinese degli importi, rispettivamente: di € 2.715,00, dovuto a titolo di premio di preparazione per il calciatore Lancini Andrea, oltre all’importo di € 678,75 in favore della FIGC a titolo di penale; di € 1.629,00, dovuto a titolo di premio di preparazione per il calciatore Pisani Giuseppe, oltre all’importo di € 407,25 in favore della FIGC a titolo di penale.

Assume la reclamante l’illegittimità della richiesta dei suddetti premi atteso che, pur confermando l’avvenuto tesseramento dei calciatori Lancini e Pisani in proprio favore, ciò era avvenuto a seguito di una precisa volontà della USD Marentinese che, non disponendo della categoria Allievi, aveva invitato i due giovani giocatori ed i loro genitori a cercare un’altra squadra. A sostegno, allega dichiarazioni rese in tali sensi dai calciatori e dai loro genitori.

Lamenta, altresì, violazione da parte della Società resistente dei doveri di cui all’art. 91 NOIF e conclude per la riforma delle decisioni impugnate.

La Società USD Marentinese ha controdedotto contestando, in via preliminare la mancata allegazione della documentazione asseritamente prodotta dalla reclamante a corredo dell’impugnazione, sulla cui veridicità ed autenticità della sottoscrizione esprime peraltro dubbi; nel merito, contesta la fondatezza del gravame, chiedendo la conferma di quanto deciso dalla Commissione Premi.

La vertenza è stata quindi discussa e decisa nella riunione del 07.07.2016. L’appello è inammissibile.

Deve infatti preliminarmente rilevarsi l’inammissibilità dell’impugnazione, in quanto i premi di preparazione relativi ai suddetti calciatori hanno costituito oggetto di autonome e distinte decisioni della Commissioni Premi che, in quanto tali, avrebbero dovuto costituire oggetto di altrettanto autonomi e distinti gravami. Il reclamo così come proposto vìola i più elementari principi in tema di impugnazione, dovendo ritenersi inammissibile la proposizione di un unico atto di appello avverso sentenze diverse, ancorché intervenute tra le stesse parti, se non altro perché ciò comporterebbe per costoro un indebito esercizio del potere di riunione dei procedimenti, riservato in via esclusiva al giudice (Cass. 4.1.2002 n. 69; Cons. Stato 14.7.1997 n. 806; Cass. 6.6.1994 n. 5472; Cass. 13.1.1993 n.312).

 

Ulteriore profilo di inammissibilità del reclamo è rilevabile dall’estrema genericità del medesimo (ex art. 33 comma 6 CGS), in quanto privo di sufficienti motivi di censura della decisione impugnata.

Tutto quanto sopra premesso.

Il Tribunale Federale Nazionale, Sezione Vertenze Economiche,

dichiara inammissibile il reclamo della Società ASD San Giacomo Chieri. Ordina incamerarsi la tassa.

About admin

    You May Also Like